Il Potere che è in Te

consigli per il miglioramento personale e la crescita spirituale

Archive for settembre 2008

Ancora su come risolvere il pensiero negativo

Posted by Uroboro su settembre 29, 2008

Prendo spunto da un commento lasciato da Samia ad un articolo di Remez Sasson e metto qui parte della risposta che le ho inviato perchè magari potrebbe essere utile a qualcun altro.

Samia ha scritto:

Salve credo d aver bisogno d qualke consiglio come possiamo trovare una pace interiore ke non sia apparente e momentanea?
spostare i pensieri non serve poi tornano, ...


Trovare una pace interiore che non sia apparente e momentanea è una cosa che si costruisce un po’ per volta e non credo che ci sia alcuna bacchetta magica in grado di fare questo (o almeno, io non la conosco e diffido di quelli che dicono che con questa o quella tecnica in un paio d’ore ti cambi la vita.).
Il paragone che si fa di solito è quello della palestra: nessuno si illude di entrare in una palestra, fare due tre ore e poi uscirne con un fisico perfetto. Così anche per il miglioramento personale e spirituale: ci vuole tempo e un po’ di costanza (quest’ultima può sembrare a qualcuno uno scoglio tremendo, ma va anche detto che andando avanti anche un passetto alla volta questa è una cosa che poi si mette a posto quasi da sola)

Inoltre uno degli errori fondamentali che è facile fare è quello di voler risolvere le cose non solo subito ma anche tutte assieme, cosa che sarebbe anche bella ma non credo fattibile: ho trovato che -almeno per me- è più utile lavorare sopra un singolo pensiero/atteggiamento negativo alla volta, altrimenti si resta bloccati da una valanga di cose tutte assieme, non si risolve niente, ci si demoralizza, si lascia perdere e si continua a vivere una vita di quieta disperazione, come diceva Thoreau.

Magari per incominciare a lavorare dai un’occhiata al post sul pensiero negativo 2, che potrebbe essere una base di partenza per individuare quali sono gli ostacoli che trovi più di frequente o quelli che ti pesano di più e incominciare a lavorare su quelli, uno alla volta.

Meglio ancora, potresti utilizzare EFT (trovi il link al manuale nel post su EFT) perchè oltre alle questioni fisiche/emotive EFT può essere utilizzato anche per eliminare atteggiamenti, pensieri, comportamenti negativi: nella seconda parte del manuale Gary Craig spiega appunto come utilizzare EFT per tutta una serie di atteggiamenti negativi e anche per gli episodi traumatici su cui questi atteggiamenti si possono reggere. La tecnica è piuttosto semplice, l’unico errore che si può fare è non metterla in pratica.

Annunci

Posted in EFT, pensiero positivo | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Il pensiero negativo “giusto” – 2

Posted by Uroboro su settembre 26, 2008

Come dicevo nel post precedente sul pensiero negativo “giusto”, ecco una tecnica per individuarlo e contrastarlo.

Per una settimana, presta attenzione e prendi nota (su un quaderno, notes o altro) di quei pensieri che riconosci subito come negativi e anche di quelli che ti sembrano perfettamente normali ed accettabili e che si presentano come verità incontestabili ed assolute. Ovviamente, non è possibile prestare attenzione e prendere nota di tutti i pensieri che ti passano per la testa: prendi nota di quelli che ti accorgi che ricorrono più di frequente, di quelli  che hanno una maggiore carica emotiva oppure di quelli che semplicemente senti opportuno riportare (fidati delle tue sensazioni). Riporta qualsiasi cosa possa avere un concetto di limitazione nei tuoi confronti, non importa quanto “giusto” possa sembrare.

Alla fine della settimana, guarda le note che hai preso e guarda se ci sono pensieri diversi che possono essere raccolti insieme (quelli che hanno uno stesso soggetto, ad esempio; quelli che ripetono in forma diversa lo stesso conceto; quelli che hanno a che fare con la stessa cosa o la stessa persona):  può darsi che tu ti accorga che non sono poi molti, e che è solo la forma in cui si presentano quella che cambia -e spesso neanche di tanto.

Ora, come dicevo la maggior parte di questi pensieri non nasce da noi, ma ha fonti esterne: l’educazione ricevuta, l’ambiente e la cultura in cui uno vive e lavora, la televisione, i giornali, i nostri superiori o i nostri professori, tutte le cose insomma che per un motivo o per l’altro possono avere o hanno avuto una qualche influenza su di noi.

Prendi quindi il primo pensiero (o quello da cui ti sembra più opportuno cominciare) e riflettici un po’ sopra. Fattidomande del tipo: da quanto tempo ho questo pensiero? dove’è che l’ho imparato? chi è che diceva (o dice) così? chi è che si comportava o faceva azioni in base a questo pensiero? l’ ho trovato in qualche libro? e via dicendo, cercando di recuperare più informazioni possibili su quale può essere la fonte originale di quel pensiero. Se non trovi niente, puoi provare con qualche tecnica come quella del DEAM di Win Wenger o altre tecniche a scelta ma se non trovi ancora niente, non preoccuparti e passa alla fase successiva.

Per ogni pensiero negativo trovato, prendi una pagina bianca intera e adopera la tecnica di brain storming da soli come indicato in un altro post (vedi). Sostituisci l’elemento “fare” con questi due: “cosa mi può succedere se questo pensiero sparisce”, “che cosa comporta nella mia vita mantenere questo pensiero”.

Mi raccomando, sii impietoso, prendi nota di tutte ma proprio tutte le cose che ti saltano in testa, non importa quanto sciocche, improbabili, assurde ti possano sembrare.  Non dare niente per scontato e non “dimenticarti” di scrivere le cose di cui ti vergogni, quelle che non diresti neanche a un prete: quei fogli servono a te, è roba tua, non c’è bisogno che li legga nessun altro -e dopo puoi sempre distruggerli o bruciarli se hai paura che qualcun altro li possa vedere.

Bene, dopo un lavoro del genere non è che quel pensiero sparisca del tutto o non si faccia più vivo, magari può anche capitare ma non è questo lo scopo; la cosa importante è invece che quel pensiero avrà sempre meno influenza su di te perchè quando ti passa per la testa non l’accetterai in modo automatico, avrai una maggiore conoscenza sulla sua provenienza, su quello che comporta quel pensiero nella tua vita e quindi potrai, in tua piena volontà: non badarci oppure sostituirlo con successo con un pensiero positivo oppure anche utilizzarlo  tuo piacere, in piena coscienza e consapevolezza.

Ti assicuro che “vincere” un pensiero negativo che uno si porta dietro magari da anni è sempre una gioia e una vera crescita. E ogni volta che hai terminato il lavoro su un singolo pensiero, non dimenticare di fare i complimenti a te stesso per il nuovo passo in avanti che hai fatto sulla strada del dominio della tua mente.

In bocca al lupo.

Posted in miglioramento personale, pensiero positivo, tecniche | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 1 Comment »

La pace della mente nel posto di lavoro – Remez Sasson

Posted by Uroboro su settembre 22, 2008

Il lavoro -come i parenti- spesso non ce lo possiamo scegliere, così come non ci possiamo scegliere i nostri colleghi, i nostri capi, i nostri clienti o utenti, ecc. Conosco poca gente che sia completamente soddisfatta del proprio ambiente di lavoro, saltano sempre fuori problemi più o meno grandi con questo con quello, per questo o quel motivo. Noi di solito accettiamo questa situazione come una cosa normale, ma in realtà ci dimentichiamo che anche il tempo del lavoro è tempo della nostra vita, e va vissuto come tale, non come un qualcosa di separato da noi da cui si vuole solo scappare.

Ecco allora un altro articolo di Remez Sasson, con una serie di consigli da mettere in pratica proprio per riconquistare e vivere appieno la nostra vita in un ambiente che troppe volte sentiamo come ostile e come estraneo. Siamo noi che creiamo il nostro ambiente, e quindi possiamo -e probabilmente anche dobbiamo– renderlo migliore.

Ecco l’articolo: La pace della mente nel posto di lavoro. Buona lettura.

Posted in miglioramento personale, pensiero positivo, tecniche | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »