Il Potere che è in Te

consigli per il miglioramento personale e la crescita spirituale

Il pensiero negativo “giusto” – 2

Posted by Uroboro su settembre 26, 2008

Come dicevo nel post precedente sul pensiero negativo “giusto”, ecco una tecnica per individuarlo e contrastarlo.

Per una settimana, presta attenzione e prendi nota (su un quaderno, notes o altro) di quei pensieri che riconosci subito come negativi e anche di quelli che ti sembrano perfettamente normali ed accettabili e che si presentano come verità incontestabili ed assolute. Ovviamente, non è possibile prestare attenzione e prendere nota di tutti i pensieri che ti passano per la testa: prendi nota di quelli che ti accorgi che ricorrono più di frequente, di quelli  che hanno una maggiore carica emotiva oppure di quelli che semplicemente senti opportuno riportare (fidati delle tue sensazioni). Riporta qualsiasi cosa possa avere un concetto di limitazione nei tuoi confronti, non importa quanto “giusto” possa sembrare.

Alla fine della settimana, guarda le note che hai preso e guarda se ci sono pensieri diversi che possono essere raccolti insieme (quelli che hanno uno stesso soggetto, ad esempio; quelli che ripetono in forma diversa lo stesso conceto; quelli che hanno a che fare con la stessa cosa o la stessa persona):  può darsi che tu ti accorga che non sono poi molti, e che è solo la forma in cui si presentano quella che cambia -e spesso neanche di tanto.

Ora, come dicevo la maggior parte di questi pensieri non nasce da noi, ma ha fonti esterne: l’educazione ricevuta, l’ambiente e la cultura in cui uno vive e lavora, la televisione, i giornali, i nostri superiori o i nostri professori, tutte le cose insomma che per un motivo o per l’altro possono avere o hanno avuto una qualche influenza su di noi.

Prendi quindi il primo pensiero (o quello da cui ti sembra più opportuno cominciare) e riflettici un po’ sopra. Fattidomande del tipo: da quanto tempo ho questo pensiero? dove’è che l’ho imparato? chi è che diceva (o dice) così? chi è che si comportava o faceva azioni in base a questo pensiero? l’ ho trovato in qualche libro? e via dicendo, cercando di recuperare più informazioni possibili su quale può essere la fonte originale di quel pensiero. Se non trovi niente, puoi provare con qualche tecnica come quella del DEAM di Win Wenger o altre tecniche a scelta ma se non trovi ancora niente, non preoccuparti e passa alla fase successiva.

Per ogni pensiero negativo trovato, prendi una pagina bianca intera e adopera la tecnica di brain storming da soli come indicato in un altro post (vedi). Sostituisci l’elemento “fare” con questi due: “cosa mi può succedere se questo pensiero sparisce”, “che cosa comporta nella mia vita mantenere questo pensiero”.

Mi raccomando, sii impietoso, prendi nota di tutte ma proprio tutte le cose che ti saltano in testa, non importa quanto sciocche, improbabili, assurde ti possano sembrare.  Non dare niente per scontato e non “dimenticarti” di scrivere le cose di cui ti vergogni, quelle che non diresti neanche a un prete: quei fogli servono a te, è roba tua, non c’è bisogno che li legga nessun altro -e dopo puoi sempre distruggerli o bruciarli se hai paura che qualcun altro li possa vedere.

Bene, dopo un lavoro del genere non è che quel pensiero sparisca del tutto o non si faccia più vivo, magari può anche capitare ma non è questo lo scopo; la cosa importante è invece che quel pensiero avrà sempre meno influenza su di te perchè quando ti passa per la testa non l’accetterai in modo automatico, avrai una maggiore conoscenza sulla sua provenienza, su quello che comporta quel pensiero nella tua vita e quindi potrai, in tua piena volontà: non badarci oppure sostituirlo con successo con un pensiero positivo oppure anche utilizzarlo  tuo piacere, in piena coscienza e consapevolezza.

Ti assicuro che “vincere” un pensiero negativo che uno si porta dietro magari da anni è sempre una gioia e una vera crescita. E ogni volta che hai terminato il lavoro su un singolo pensiero, non dimenticare di fare i complimenti a te stesso per il nuovo passo in avanti che hai fatto sulla strada del dominio della tua mente.

In bocca al lupo.

Una Risposta to “Il pensiero negativo “giusto” – 2”

  1. […] Il pensiero negativo “giusto” – 2 […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: